Spartans contro Bollate: due vittorie ma soprattutto super rimonta!

Da quando gli Spartans esistono, ovvero dal lontano Campionato Ragazzi 2011, le sfide con i coetanei del Bollate sono quasi sempre combattutissime , da divorarsi  le unghie per la tensione. Pertanto non c’è da sorprendersi se anche domenica scorsa ci siano stati dei momenti di ottimo baseball giovanile corredato di emozioni fortissime. In gara 1 gli Spartans hanno decisamente dominato la partita, anche se all’inizio del 2°inning è accaduto un imprevisto che metterebbe in crisi qualsiasi squadra di baseball di qualsiasi categoria: il nostro partente, Luca Capellano, dopo aver lanciato missili infuocati in pieno controllo nel 1° inning (10 lanci e 2K) , sale sul monte lamentando un dolore alla schiena che si è manifestato qualche minuto prima, correndo sulle basi. Dopo tre lanci il dolore diventa insopportabile e Luca è costretto a scendere dal monte e anche uscire dalla partita perché fatica addirittura a stare in piedi. Sale sul monte Andrea Righetto, senza preavviso, senza un buon riscaldamento, e che fa? Lancia benissimo e tiene a zero gli amici-rivali del Bollate, supportato da una difesa non eccelsa ma efficace. Alla fine i bollatesi riescono a segnare un punto, e il risultato finale è 6-1 per noi. Gara 2 è tutta un’altra musica. Il Bollate scende in campo con voglia di riscattarsi, soprattuto in battuta. Il nostro partente Zeno Bedini non è in gran giornata , fatica un po’ a trovare la zona di strike e per migliorare il controllo lancia un po’ più piano: non funziona, e quando entra in strike i bollatesi battono. La cosa non sarebbe neanche un male, se non fosse che la nostra difesa è poco reattiva e trasforma qualche out in valida. Ma il problema è nel box di battuta: alla fine del 3° inning è arrivato in base solo Giacomo Clima con una base x ball. Finisce la parte alta del 4°inning e il Bollate sta vincendo 6-0,  Afro è infuriato e io (Faso) dichiaro: “Ok, la partita è andata, abbiamo perso, oggi giochiamo tutti male“.  Le ultime parole famose. Inizia il 4° inning, e Zeno mette strike out il primo bollatese, Carugati, poi arriva Poletti e viene eliminato in prima, poi arriva Leonesio che spara un doppio e infine Iacono che batte anche lui un doppio su Clima esterno centro che raccoglie la palla, tira a Fasani che tira Zeno che tira a casa a Matteo Valagussa e il corridore è out a casa! Super giocata difensiva, terzo out e si va a battere: Federico Vitali lead off è in base x ball, Matteo Fasani batte in diamante e porta in 2° Fede, ma viene eliminato. Andrea Righetto batte un singolo, Zeno batte una linea all’esterno centro e porta a casa Fede,  Michele Rizzo spara un missile che supera gli esterni: fuoricampo interno, e porta a casa 3 punti! Non è finita, Lorenzo Villa batte in diamante e arriva salvo in 3° su errore di tiro portando a casa Michele, e infine Giacomo Clima batte una linea in campo opposto che porta a casa Lorenzo: 5 punti, fine del nostro attacco. 5°inning: sale Milo sul monte e lancia alla grandissima, ottenendo un out in 1° e 2 K. Andiamo a battere noi,  Milo per primo: base ball. Ora tocca a Matteo Valagussa che va strike out, ma il lanciatore e la difesa trascurano Milo che ruba la 2° e pure la 3° base! Federico in battuta: conto pieno, arriva il quarto ball, lascia la mazza e corre verso la prima, l’arbitro grida: “Fermo, ho sbagliato adesso è conto pieno (3 ball e 2 strike) , non è base per ball” e richiama Federico a battere. Tensione. Arriva il lancio…STOCK , Fede batte una linea valida sull’esterno destro, Milo segna il punto del pareggio: 6 a 6 YEAH! Alla battuta Matteo Fasani, Fede ruba la 2°, lancio pazzo, va in 3° e abbiamo un solo OUT : tutta la difesa del Bollate gioca dentro per bloccare il punto, Fasani gira la mazza e…batte sull’esterno centro la wall-off hit, 7-6 per gli Spartans. Che rimonta, ragazzi, complimenti. Cosa insegna questo finale di partita? Un paio di cose che sappiamo tutti bene , ovvero che la partita finisce con l’ultimo out e fino ad allora non si può mai essere sicuri di aver vinto e neanche di aver perso, e che gli allenatori ogni tanto dicono delle baggianate, come il sottoscritto in questa occasione.

Lascia un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento